Il palo in legno è da sempre uno dei protagonisti principali nel settore dell’impiantistica;
Non esiste un luogo in cui esso non sia presente

Si tratta di un prodotto dalla elevata qualità e resistenza meccanica, che necessita però preventivamente di trattamenti particolari per conservarne la resistenza sia agli agenti atmosferici, sempre più improvvisi e violenti, che agli attacchi di funghi ed insetti

Inoltre il materiale da cui si compone deve necessariamente poter resistere ai vari agenti atmosferici e alle sollecitazioni che avvengono nei vari trattamenti

Le caratteristiche specifiche che ne contraddistinguono la classificazione sono le seguenti:

  • Resistenza: è la sua capacità di combattere le forze dovute a sollecitazioni esterne, meccaniche o atmosferiche.
  • Densità: esprime il rapporto massa/volume di ogni specie legnosa. A volte è anche espressa come compattezza, ed è un parametro molto importante quando bisogna scegliere un tipo di legno che deve essere sottoposto a carichi strutturali importanti e, solitamente, non dovrebbe essere inferiore a 600 Kg/mc.
  • Durezza: è la resistenza di un materiale ad essere penetrato da un corpo esterno; nel caso del legno si traduce nella capacità di essere tagliato e lavorato.
    I legni molto duri sono maggiormente resistenti alla compressione rispetto a quelli teneri.
  • Rigidezza: esprime la capacità del legno di essere curvato.
    Si potrebbe apparentemente pensare che un legno tenero sia più facile da curvare rispetto ad uno duro. Tuttavia, il parametro più importante è rappresentato dalla distribuzione delle fibre: più queste sono rettilinee e parallele maggiore sarà la sua capacità di essere curvato.
    Esistono poi alcuni fattori ambientali che influenzano considerevolmente le proprietà fisiche del legno, in particolare l’umidità e l’attacco da funghi ed insetti.

Il legno, attraverso l’analisi di tali caratteristiche, viene quindi paragonato ad altri materiali, soprattutto al cemento armato precompresso, e da lì parte l’inevitabile confronto.
C’è chi sostiene che il palo in legno sia più resistente del palo in cemento armato precompresso

Ma è proprio così?

Servono diversi fattori per poter effettuare una comparazione, ad esempio diametro, forma, composizione precisa del materiale

Parlando di durata poi, il fattore determinante per i pali di legno è rappresentato, come dicevamo prima, dal trattamento protettivo che si applica in principio, cosa che non serve al palo in cemento armato precompresso

Di certo però, il palo in cemento armato precompresso, riuscendo a mantenere inalterate le qualità strutturali nel tempo, ha sicuramente una resistenza e una durabilità maggiori

La stessa cosa, purtroppo, non accade per il palo in legno che è soggetto ad inevitabile usura del materiale data dal tempo e dalle eventuali sollecitazioni causate dalle macchine che lavorano all’interno dei vigneti.